mercoledì 8 agosto 2012

Le mie rose (a mia figlia)

Ho amato tanto le rose
le ho anche coltivate
accarezzate e raccolte
mentre non sapevo chi ero
e quanto ne volevo
e nel profumo intenso della pelle
ne ho anche approfittato
quasi senza capire
ne ho mangiato
senza accorgermi del tempo
per allontanare il buio e lo spavento
ho poi morso
e mi sono graffiato
forse non m'accorgevo delle spine
mentre era tutto così giusto e vero
rose del tempo sospeso
specchio degli occhi aperti
là dove ho perso l'anima
tra pezzi d'infinito.




Ettore Tangorra    2012


Nessun commento:

Posta un commento

Un piccolo bilancio

Ho 61 anni e ormai è parecchio che faccio bilanci. Dal 2010 circa faccio ormai tante considerazioni tra me e me avendo alle spalle un discre...