martedì 6 dicembre 2011

Vento di bufera

Chiedimi e ti risponderò 
in qualche modo anche stanotte o domani
quando le mie mani saranno pronte a ricominciare
se non le avranno spezzate
ma forse era ieri che mi aspettavi 
con quella giusta parola 
ma tu chiedimi ancora e saprò darti tutto di me
anche solo un momento 
se non sarò distratto chiuso nel mio contratto ormai scaduto
ad inseguire il tempo
aspettando il mio cuore
sdraiato sulla tua pelle
e allora avrò capito dopo avere tanto ascoltato
soltanto dopo ti parlerò di tutto quello che ho passato 
e che è fuggito lontano
se puoi tornare domani chiedimi ancora le mani
e caldi baci la sera se sarò ancora vivo al mattino
in questo bel vento di bufera.






Ettore Tangorra   2011

Nessun commento:

Posta un commento

Un piccolo bilancio

Ho 61 anni e ormai è parecchio che faccio bilanci. Dal 2010 circa faccio ormai tante considerazioni tra me e me avendo alle spalle un discre...