giovedì 6 ottobre 2011

l'autunno che tarda

Voglio dire col cuore
ciò che il fiato spezza
e che l'aria non dice
in questo autunno che tarda
nella sera affranta
di luce mesta e chiara
voglio dirti che solo ora
ho precisa ragione di me
delle mani che muovo stanco 
nel gioco promesso 
e solo rimandato 
ad un momento esatto 
quando tempo avremo
per celebrare solo per noi 
magari vicini al mare 
magari vicini a un timido sole 
sorpresi e felici di sognare ancora
e ancora insieme
spogliarci dei dubbi
sbarazzarci del tempo
cacciare i pensieri pesanti
e vestire d'oro 
e di questa luce vera 
le parole e i nostri gesti d'amore.



Ettore Tangorra  2011












Nessun commento:

Posta un commento

Un piccolo bilancio

Ho 61 anni e ormai è parecchio che faccio bilanci. Dal 2010 circa faccio ormai tante considerazioni tra me e me avendo alle spalle un discre...